Giorgio Armani collezione uomo AI 2016 2017 è stata presentata durante l’ultima giornata della Milano Moda Uomo.

Gli abiti, in particolar modo le giacche dai tagli molto differenti l’una dall’altra e i pantaloni ampi e sinuosi, sono stati i protagonisti della sfilata Giorgio Armani collezione uomo AI 2016 2017, insieme a numerosi accessori, dai cappelli fedora agli occhiali da sole e da vista rotondi, fino alle cartelle da lavoro.

Il velluto è uno dei protagonisti di questa splendida linea e una delle tendenze della Milano Moda Uomo per la prossima stagione invernale. Lo stilista Giorgio Armani l’ha utilizzato per confezionare dei pantaloni fluidi e leggeri, ma anche delle giacche sofisticate e perfette per la sera.

Uno dei must have per la prossima stagione fredda è la pelliccia da uomo, un capo d’abbigliamento che non passa di certo inosservato: molti altri stilisti l’hanno proposta ma quella di Armani è assolutamente più asciutta e scivolata.

Giorgio Armani Collezione Uomo AI 2016 2017 2

Molto belle anche le mantelle da uomo, tutte in lana sui toni del grigio e del sabbia e assolutamente lunghe, quasi fino a toccare terra.

Per quanto riguarda gli abiti da uomo di Armani c’è davvero grande scelta tra i modelli semplici e scivolati e proposti tinta unita e quelli caratterizzati da micro fantasie impercettibili, motivi geometrici e quadri minimal style.

Da non farsi scappare nemmeno i maglioni, da quelli girocollo alle creazioni con ricami fatti a mano e applicazioni sulla parte anteriore, e i pantaloni joggers, ovvero stretti da un elastico all’altezza della vita.

Tra gli accessori di questa collezione è impossibile non notare i numerosissimi cappelli da uomo che lo stilista ha pensato per questa linea, soprattutto modelli a falda media, e gli occhiali piccoli e rotondi.

Share.

About Author

Il nostro team è composto da professionisti del mondo della comunicazione e dell'informazione che lavorano insieme ogni giorno per trovare notizie, approfondimenti e novità sempre aggiornate e interessanti.

Leave A Reply