foto-ilaria-nistriMURBLE ECHOES COLLEZIONE P|E 2017

FORME _ SILHOUETTE Un gioco materico fatto di consistenze diverse. Fluidità e struttura si alternano e si fondono creando equilibri armonici tra le linee scivolate e quasi liquide di abiti, pantaloni dalla vestibilità morbida con elastico in vita ad effetto pigiama, o dalla gamba molto ampia con pieghe profonde e spolverini decostruiti, accostate alle forme rigorose e rotonde di giubbotti e gilet in pelle e tessuti strutturati. Il tocco di una femminilità non esasperata è rappresentato dagli inserti di georgette di seta che giocano con la semitrasparenza, come dalle zip metalliche che si aprono sui capi in modi inattesi, scoprendo forme ed esaltando la silhouette attraverso l’alterazione dei volumi.

MATERIALI _ LAVORAZIONI La contrapposizione di materiali diversi tra loro per natura, alla ricerca di accordi insoliti, è il fulcro di questa collezione che fa dell’eleganza rilassata il codice fondamentale. Il look appare ricercato ma informale grazie a lavorazioni e trattamenti che esaltano i materiali ed i capi finiti rendendoli speciali senza ostentazione. La georgette di seta si mischia al lino, il raso di viscosa al camoscio cerato, il filato di cotone e cachemire alla pelle creando nuovi dialoghi estetici. La costante ricerca sui tessuti e sui pellami, la sperimentazione di trattamenti, lavaggi e finissaggi, ha come risultato la messa a punto di cerature che donano una mano morbida e fluida, simile al tessuto, al camoscio sottilissimo. La concia vegetale artigianale sulle pelli di agnello, che non prevede l’utilizzo di sostanze tossiche, ne esalta il fascino primordiale. Una particolare tecnica di accoppiatura permette di fondere in un unico tessuto un sottilissimo popeline ad una grezza tela di lino dando origine ad un capospalla strutturato dalla superficie mossa ed ‘ingranata’ simile alla pelle. Il lavaggio con ammorbidenti siliconici di rasi e viscose conferisce loro un aspetto meno brillante, più destrutturato e morbido. Varie interpretazioni del lino. Misto alla viscosa nel canvas dall’aspetto quotidiano ma raffinato. Tela battuta dalla superficie naturalmente mossa. Dal sapore tecnico in mischia con una particolare lycra molto elastica. Fino ad arrivare ad un’ironica interpretazione di lino e viscosa ad effetto denim che definisce un look sciolto ma irregolare.

foto-2

COLORI Partendo dalla base del bianco e del nero, interpretati nelle varie declinazioni del lucido e dell’opaco, si affiancano altre sfumature neutre e polverose come il tabacco ed il grigio polvere. Questo morbido immaginario cromatico viene attraversato dal bagliore di piccoli dettagli di lamina argentata. A squarciare questo bilanciamento emerge un tono vibrante e caldo; il lava, un intenso tono di rosso aranciato.

STAMPE Elaborazioni grafiche di immagini che fanno parte di un progetto fotografico realizzato, in esclusiva, all’interno di una cava di marmo. Enormi ferite bianche si aprono sui fianchi di monti dai pendii scoscesi, da cui si accede a gallerie suddivise in stanze enormi. L’incanto e la perfezione delle linee di questi ambienti rimandano la mente ad un’idea di sacro ed è proprio per questa suggestione che in molti le definiscono ‘cattedrali di marmo’. Alle pareti non hanno affreschi o mosaici ma al loro posto troviamo i motivi decorativi creati dagli agenti naturali di erosione e dal lavoro dell’uomo che fanno di queste grotte scavate nella roccia uno spettacolo sbalorditivo.

BANDE A CONTRASTO come un lampo, la banda a contrasto di colore, spezza il rigore dei capi, interrompe la stampa, evidenzia contorni creando linee di semitrasparenza che fanno intravedere piccole parti del corpo.

ZIP utilizzata come elemento metallico decorativo ma anche per alterare il volume del capo aprendosi e rivelando cannoni, soffietti o semplicemente spacchi ed aperture che alterano e modificano la silhouette. In alcuni casi permettono addirittura di togliere dei componenti come colli o balze, accorciando o scollando.

RICAMI SPECIALI Preziose interpretazioni della felpa, che la elevano ad un livello altro. Arricchita da lavorazioni manuali eseguite da artigiani d’eccellenza che cuciono, una per una, le sottili strisce di pelle di agnello su cui viene poi effettuato un ricamo a cordonetto che blocca tutta l’applicazione. Oppure, ancora grazie alla sapienza di mani esperte ed attente, viene creata una rigatura tridimensionale raggiunta applicando singolarmente le fettucce a contrasto di colore, di raso e georgette di seta tagliate in sbieco alternate a quelle di camoscio cerato.

Share.

About Author

Il nostro team è composto da professionisti del mondo della comunicazione e dell'informazione che lavorano insieme ogni giorno per trovare notizie, approfondimenti e novità sempre aggiornate e interessanti.

Leave A Reply